SASS

Vino rosso

Blend di diversi vitigni da vigneti su marne calcaree di Sass de la Luna.
Un terroir ideale, potature povere e continui passaggi in vigna per le operazioni al verde ci portano a vendemmiare uve perfette per sanità, maturazione e concentrazione.

L’uva appena raccolta viene diraspata ed avviata in macerazione.
Dopo un attento affinamento, consegniamo questo vino alla bottiglia, dove lo attende una vita potenzialmente molto lunga.

Il colore è notevolmente fitto, con tonalità rubino tendente al granato con l’evoluzione nel tempo.
Con l’invecchiamento in bottiglia alle note di ribes nero, mora, tabacco e cedro si aggiungono toni balsamici e terziari speziati.

Consigliamo di aprirlo dalle 2 alle 12 ore prima del consumo e di degustarlo ad una temperatura di 18 °C in ampi calici a tulipano.

Si abbina idealmente a formaggi stagionati (come il Branzi, il Formai de Mut o il Bitto per stare in zona, oppure a Brie, Camembert o Roquefort), a carne grigliata o arrosto, selvaggina ma anche con primi piatti con sughi ricchi di carne (esempio, pasta al ragù). Per i vegetariani consiglio pasta e fagioli, pastinaca arrostita in forno, carote in cartoccio.
Io lo amo con l’ hamburger, il risotto al tartufo e le lasagne.

  • Cuvée di vitigni bordolesi
  • Vigneti di collina su marne calcaree di Sass de la Luna
  • Potatura a cordone speronato e alberello in parete con ramificazione verticale
  • Inerbimento totale con sfalcio periodico. Vendemmia manuale in piccole cassette
  • Macerazione lunga con rimontaggi e delestage quotidiani. Maturazione in piccole botti con periodici batonnage
  • Ribes nero, mora, tabacco, cedro. Con l’invecchiamento assume toni balsamici e terziari speziati
  • Consigliamo di aprire la bottiglia 12-18 ore prima della degustazione e ritapparla. Se aperta all’ultimo è ideale scaraffare in un decanter.
    Servire a 18°C in ampi calici a tulipano